Alcuni consigli sulla poesia

Per scrivere una poesia occorre oltre al talento, alla lettura, alla conoscenza della tecnica e degli strumenti, un’altra capacità o accortezza o coraggio: la capacità di cancellare, di eliminare dal testo tutto ciò che è superfluo alla descrizione di un’emozione, di un’esperienza, di tutto ciò che si intende esprimere scrivendo una poesia. Questo discorso vale anche per la narrazione, ma la poesia, per sua natura più essenziale e densa, deve riuscire a contenere in poche parole il senso di ciò che vuole esprimere, il suo nucleo centrale.
E’ ovvio che al lettore resterà la facoltà di sprigionare ulteriori sensi, altri percorsi, ma questo dipende dalla capacità del poeta di dire molto usando poche parole e lasciando che le associazioni mentali, i richiami tra le parole, il loro suono, il loro colore facciano il resto. Un poeta sarà tanto più abile quanto più saprà isolare sensazioni, e quindi emozioni, precise e intense. Infatti, la sensazione verrà allora trasmessa con la massima forza, sarà come alzare il volume di un suono. Ogni singolo verso, ogni singola parola deve essere studiata, cercata fino allo sfinimento finché non si sente di aver raggiunto la perfetta aderenza tra la parola e l’oggetto, l’espressione che si sta cercando.
Si vedano come esempi queste due poesie di Ezra Pound

Petali cadono nella vasca ,
petali di rosa color arancio,
l’ocra che si stringe alla terra.

Il poeta, in questa poesia, esprime l’emozione che ha provato di fronte all’immagine dei petali che cadono nella vasca. Tale emozione viene espressa attraverso un’equivalenza di immagini e di colori. Il poeta, infatti, stabilisce una corrispondenza tra l’arancio dei petali che cadono nella vasca e il color ocra (un colore appunto giallo-rossastro) che aderisce alla pietra. Questa analogia sintetizza in modo immediato quanto da lui percepito.

A una fermata del metro
L’apparizione di questi volti nella
[folla:
petali sopra un ramo umido, nero.

Pound ha spiegato di aver voluto esprimere in questa poesia l’emozione sentita un giorno, all’uscita del metrò di Parigi, quando improvvisamente scorse tra la folla i bei volti di giovani donne. Quei volti nella folla gli apparvero come petali sopra un ramo umido. In quest’immagine analogica e metaforica ha fissato la forza di un’impressione e l’intensità dell’emozione provata.
In entrambi i casi si può immaginare come il poeta abbia operato una serie di tagli, rispetto a tutto ciò che ha visto, fino ad ottenere l’immagine finale che è quella che gli ha permesso di esprimere la sua emozione. Egli ha saputo scegliere tra una serie innumerevole di stimoli percettivi provenienti ad esempio da una stazione del metro. Tutto il movimento di una stazione metropolitana viene condensato dai volti nella folla, che ne restituiscono il movimento, la quantità, il disordine, questi volti si affacciano per esperienza quotidiana del lettore nella sua mente al punto che ne può percepire l’intensità , i movimenti, l’anonimato e talvolta lo smarrimento, a questi volti, sempre correndo sul filo delle associazioni mentali a cui partecipa anche il lettore, si avvicinano poi due realtà naturali: l’una quella del petali, l’altra quella del ramo nero, l’una piacevole, l’altra triste, queste due realtà si fondono insieme per far risaltare dallo sfondo l’emozione del poeta che da uno stato passivo, anonimo , scivola nella piacevolezza delle contemplazione della bellezza.
Quando si scrive una poesia, non si deve dimenticare che si rende partecipe l’altro di un’emozione a cu egli stesso può partecipare con la sua esperienza, occorre lasciargli lo spazio dell’immaginazione, affinché riscopra e riprovi in sé le emozioni espresse dal poeta. Per questo ripeto occorre tagliare o meglio selezionare i dettagli, le parole, quanto più qualcosa è descritto dettagliatamente tanto meno ci sarà spazio per l’immaginazione, tanto meno la descrizione avrà potere evocativo. Non è una questione di lunghezza della poesia ovviamente, anche le poesie molto lunghe cercano nelle parole, nelle immagini, nei versi, l’essenzialità magica, capace di sprigionare altri sensi, altre immagini, in maniera unica e irripetibile.
Ma perché l’effetto si crei ovviamente occorrono le parole giuste, gli strumenti giusti e anche il coraggio di osare, di lasciarsi andare.

La-decisione-poesia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...